Home » Il mondo delle gare d’appalto nel dopo Covid-19. Organizzazione del lavoro ed il (possibile) “Decreto Ripresa”
Servizi

Il mondo delle gare d’appalto nel dopo Covid-19. Organizzazione del lavoro ed il (possibile) “Decreto Ripresa”

decreto ripresa

L’epidemia (o meglio la pandemia) da Covid-19 sta rappresentando una vera e propria frontiera non soltanto nel campo delle scienze mediche ma anche in quello economico. È sotto gli occhi di tutti, infatti, che si attende (ove non sia già in essere) un periodo di forte crisi per le imprese che si occupano soprattutto di taluni tipi di commerci e servizi (si pensi alla ristorazione ed al turismo) oppure che operano in taluni settori più esposti alle fasi cicliche dell’economia (ad esempio l’edilizia privata).

Le gare d’appalto nel Decreto ripresa

Per le imprese che operano nel settore delle gare d’appalto pubbliche, invece, è possibile che la presente congiuntura possa rappresentare, ove colta, una svolta importante… appunto la frontiera di cui si parlava in precedenza. Spieghiamo meglio. Per la maggior parte delle imprese che operano nel “mondo delle gare d’appalto” sarà imprescindibile dotarsi di un ufficio gare efficiente, poco costoso ma allo stesso tempo formato da professionisti del settore sempre aggiornati ed in grado di aggiornare l’impresa stessa. Ciò in quanto è molto probabile che i futuri provvedimenti che saranno adottati dal Governo e dal Parlamento italiani nonché dalle istituzioni europee porteranno a novità nel settore degli affidamenti pubblici così importanti e rapide che le imprese avranno assoluto bisogno di affidarsi a soggetti in grado di “leggere” le dinamiche del mercato e le norme in continuo cambiamento e di adattarle all’operatività quotidiana.

Oggi, invece, la maggior parte della imprese italiane che (più o meno in modo strutturato) partecipa alle gare d’appalto”, lo fa in una forma economicamente molto pesante e spesso poco efficiente (soprattutto d’ora in avanti): c’è un impiegato (o, in alcuni casi, lo stesso “titolare”) che si occupa di cercare i bandi delle procedure aperte attraverso le molteplici piattaforme che il mercato offre e/o di leggere gli inviti a cui l’impresa viene invitata, di preparare la documentazione per la partecipazione alle gare ritenute di interesse, di farsi aiutare da un tecnico (o dallo stesso “titolare”) per la redazione della documentazione tecnica ed economica, ecc.. Tutto ciò, spesso, insieme con altre mansioni amministrative che normalmente svolge.

Questo modo di operare non è molto efficiente da un punto di vista economico e di risultato per l’impresa in quanto la/le persona/e addetta a questa funzione comporta/no un carico di costi molto elevato e, per di più, spesso capitano situazioni tipo “non abbiamo aggiornato l’iscrizione all’albo fornitori di quella stazione appaltante e non ci hanno invitato a quella gara”, “ci siamo dimenticati di cercare quella gara che ci avevano detto che era stata bandita”, “abbiamo mille altre scadenze e non sappiamo se riusciamo a preparare la gara che scade a breve”, ecc. Tutto ciò sarà ancora più amplificato d’ora in avanti dato che – molto probabilmente – lo smart working diventerà una forma lavorativa sempre più diffusa e quindi la concentrazione di funzioni nella stessa persona non sarà una scelta facilmente praticabile per gli imprenditori.

Perché esternalizzare l’ufficio gare

Esternalizzare l’Ufficio Gare ovvero dare un supporto a chi si occupa delle gare d’appalto all’interno delle imprese, viceversa, comporta due indiscutibili e definitivi vantaggi:

  1. un cospicuo risparmio di costi;
  2. la garanzia di interfacciarsi con operatori sempre aggiornati.

La nostra società mette a disposizione del cliente il proprio staff di addetti amministrativi e tecnici qualificati che da anni si occupa della preparazione documenti gare d’appalto ed ha maturato una vasta esperienza sul campo. Sarà questo staff che, su incarico del cliente, svolgerà tutte le attività propedeutiche alla partecipazione alle gare d’appalto, dalla ricerca del bando all’iscrizione agli albi fornitori delle stazioni appaltanti di interesse allo studio del bando alla preparazione dell’offerta.

In particolare, il nostro staff qualificato:

  • raccoglierà dal cliente i dati necessari alla redazione della documentazione da inviare alla stazione appaltante;
  • redigerà materialmente i documenti amministrativi ed economici (ed anche, previa richiesta specifica, quelli tecnici) e li sottoporrà alla firma dei legali rappresentanti;
  • si occuperà di richiedere a broker assicurativi convenzionati la cauzione provvisoria e definitiva (ossia la polizza fideiussoria appalti pubblici generalmente richiesta in sede di gara ed in caso di aggiudicazione);
  • curerà l’eventuale preliminare iscrizione ai portali fornitori delle stazioni appaltanti;
  • trasmetterà la documentazione di gara completa;
  • seguirà amministrativamente il cliente fino all’aggiudicazione;
  • su ulteriore incarico del cliente, seguirà amministrativamente la commessa in caso di aggiudicazione fino alla chiusura dell’appalto.